Il Generatore per una Casa: Scegliere quello giusto.

fireplace-850275_1280.jpg

Le nostre abitazioni sono invase da dispositivi elettrici di diverso tipo, alcuni essenziali come i frigoriferi e i congelatori, altri meno ma comunque importanti come televisori, lavatrici e climatizzatori.

Nonostante in ogni abitazione ci siano qualche migliaio di Euro di elettrodomestici e dispositivi elettronici, molte Case non prendono nemmeno in considerazione l’acquisto di un generatore di emergenza.

Se stai leggendo questo articolo, sicuramente non sei tra quelli, e nonostante i generatori per uso Abitativo non siano un applicazione particolarmente redditizia, ho deciso di darti qualche informazione utile sul gruppo elettrogeno ideale per un abitazione.

Per prima cosa vediamo perché non devi assolutamente commettere l’errore di acquistare un generatore ad avviamento automatico con motore a Benzina

Se scrivi su un motore di ricerca “gruppo elettrogeno per abitazione” tra i primi risultati troverai proprio i gruppi elettrogeni che non devi assolutamente scegliere: si tratta di generatori dotati di motore a benzina solitamente monocilindrici, simili a quelli che si trovano installati sulle attrezzature da giardinaggio.

Sono i più economici e ti promettono prestazioni perfette per la tua casa, tu ignaro del pericolo acquisti e poi resti al buio.

Hanno un problema: Non si avviano.  

Se non sei Uno scrupoloso della manutenzione preventiva, quel generatore NON si avvierà  automaticamente.

Ti spiego perchè...

Ti è mai capitato di mettere in moto uno scooter dopo qualche tempo che sta fermo in Garage? Si mette in moto al primo colpo?

No.

Succede la stessa cosa con un gruppo elettrogeno con motore a Benzina che sta spento in attesa di avviarsi automaticamente quando manca l’energia dalla rete.

Il mancato avviamento è riconducibili alle caratteristiche di avviamento del motore ed al combustibile che si deteriora facilmente nel tempo.

Il consiglio è quello di orientare la scelta esclusivamente su generatori con motore diesel.

Inverter, Regolatore di Tensione, Regolatore di Giri

In un precedente articolo abbiamo parlato di gruppi elettrogeni con tecnologia inverter e di regolazione dei giri del motore, in altre parole di gruppi elettrogeni stabilizzati.

Una delle specificità che distingue un abitazione da altri tipi di utenze elettriche è la presenza di numerosi carichi sensibili, basti pensare a televisore, console, robot da cucina, etc etc, tutti molto sensibili a sbalzi di tensione.

Utilizzare un generatore elettrico come quelli che si trovano a 149,00 euro al Brico "Fai da Te"  per alimentare dispositivi elettrici ed elettronici che valgono forse 30 volte tanto, è un po come affidare la sicurezza di una costosa Harley Davidson ad una sottile misera fune di nylon.

I generatori inverter sono un ottima soluzione in termini di qualità della corrente, il numero di giri del motore è variabile, buoni consumi, rumore sopportabile, ma sono equipaggiati con motori a benzina, quindi li escludo per i motivi esposti all’inizio, inoltre sono relativamente costosi quando scegli qualcosa di affidabile.

I gruppi elettrogeni con motore diesel a 3000 giri, (se non conosci la differenza dai un occhiata all’articolo in cui ne parliamo, cliccando sul collegamento) sono ideali se hai poco spazio a disposizione, però tali motori non sono regolabili elettronicamente, salvo particolari eccezioni, quindi non sono ideali per alimentare direttamente carichi sensibili.

Il generatore con motore diesel a 1500 giri, sarebbe la soluzione perfetta, ecco perché:

1.      Può restare in funzione per giorni senza problemi.

2.      E’ più silenzioso del generatore di parti potenza con motore a 3000 giri.

3.      Può essere dotato di un regolatore di giri elettronico.

4.      Ha cilindrate superiori e pertanto risponde meglio alle prese di carico. (questo non lo dice mai nessuno...chissà perchè)

5.      Costa solitamente di più ma vale molto di più.

6.      Lo vendono i professionisti, quindi hai a che fare con un servizio post vendita (solitamente) superiore.

La potenza

Tutti i materiali che ho trovato online che parlano del gruppo elettrogeno per alimentare una Casa, si concentrano molto sulla parte “potenza”. Io invece ritengo che sia importante ma non troppo.

Quello che devi sapere sulla potenza è che non puoi mai paragonare l’utenza elettrica domestica fornita dal gestore con la potenza elettrica erogata dal generatore.

Esempio banale: Prendere una bolletta dove c’è scritto che la potenza elettrica impegnata è di 4kW, quindi dedurre che hai bisogno di un generatore da 4kW.

Falso. La rete elettrica non si comporta come un gruppo elettrogeno. La rete non avverte le variazioni di carico di un abitazione.

homegenerator.jpg

Adesso facciamo incavolare gli Ingegneri…

Se non sei un tecnico ma vuoi avere un idea di quale sia la potenza elettrica necessaria per la tua abitazione senza troppi calcoli e senza formule, prendi carta e penna e annota tutti gli apparecchi elettrici che hai in casa, andando a scrivere per ciascuno di essi la potenza elettrica indicata nella targa identificativa. (parliamo solo di sistemi monofase).

Somma tutti i valori e otterrai un risultato che potrà essere indicativamente il 70% della potenza attiva del gruppo elettrogeno di cui hai bisogno. Esempio: sei hai calcolato 7000W di carichi elettrici nella tua abitazione, allora potrai considerare un gruppo elettrogeno di potenza non inferiore a 12kVA.

(se vuoi conoscere la differenza tra kW e kVA vai all'articolo da kw a kva la potenza di un gruppo elettrogeno è facile come bere una birra)

Tutto assolutamente indicativo, solo per darti un idea di quale sia la potenza elettrica da impegnare con un gruppo elettrogeno, tuttavia è opportuno fare un dimensionamento più preciso in fase di selezione e scelta.

Quanto rumore fanno i gruppi elettrogeni

IMG_1008.JPG
L'incubo di chi installa un generatore in casa è il rumore che questo produce quando è in funzione. Alcuni rinunciano al gruppo elettrogeno per paura di non dormire la notte a causa del rumore, oppure per non litigare con i vicini di casa disturbati dal generatore.

C'è una soluzione a questo problema: il gruppo elettrogeno insonorizzato.

Attenzione: non stiamo parlando di quei generatori che hanno l'adesivo "super-silenziato", termine usato impropriamente da tutti coloro che mettono un motore dentro un paio di lamiere, ma di generatori realmente insonorizzati, con motori più silenziosi e cabine insonorizzanti ad elevate prestazioni.

Per non udire un gruppo elettrogeno in funzione, questo deve avere una rumorosità inferiore a 50db misurati a 7 metri di distanza.

Autorizzazioni e normativa sull’installazione

Per potenza complessiva fino a 25kW non vi è l’obbligo di presentare domanda per il controllo e prevenzione incendi.

Questo spesso è stato interpretato come: “allora posso fare quello che voglio”, ma in realtà non è così. Il generatore deve essere installato a regola d’arte seguendo le indicazioni del costruttore e delle normative vigenti.

Il valore delle cose...

La scelta di un gruppo elettrogeno per la propria abitazione è una decisione abbastanza delicata visto che si tratta di dare un valore alle cose che possiedi. Proprio così: maggiore è il valore della tua casa e delle cose in essa contenute, e maggiore sarà l'attenzione nello scegliere un prodotto di alto livello, affidabile e robusto.